L’AMOROSE MANI

L’AMOROSE MANI

amo

L’AMOROSE MANI

Tese ver l’alto, scarnite e paurose,
braman rincorrer la vita silenti.
Ed ecco su d’esse, in spemi briose,
movere gocce vermiglie e ridenti.

Si portan via le ambasce penose,
onde s’accendon vigori smarrenti.
Tornano mani persino operose,
frutto gentil di sorelle nascenti.

Riluceranno i tempi festosi
ma s’ancor scuro si mostra il disegno,
di già s’avverte svanire il tremore.

E son così belli quei gesti amorosi
tanto preziosi nel porger sostegno
ch’empiono il cuore e dan voce al Cantore.

 

Il Cantore

Nel Suo nome

Quelle mani, così amorose e pure,
sono mute e senza nome,
ma si offrono generose a chi le invoca
e con voce decisa, che pur non si ode,
soffian le parole di Chi le manda
il cui Nome, seppur velato,
in fondo, in fondo,
a chi ben mira
appare.

Pino Caimi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...